domenica 19 giugno 2011

aria

e quando il respiro si fermerà,
quando l'aria non passerà più nei miei polmoni,
ma resterà lì, sospesa, senza diventare respiro, suono, parole,
quando il tempo non batterà più nessun ritmo
e l'atmosfera si svuoterà di ossigeno e idrogeno e elio
e tutto il pulviscolo in perenne moto perderà il suo peso,
quando accadrà,
ecco,
fatemi sentire l'aria vibrare ancora un'ultima volta di queste note



e quando i miei figli, respirando l'aria al posto mio,
ascolteranno queste note



penseranno a una sera d'estate, quando hanno respirato la stessa aria di Torino insieme a me,
e hanno ascoltato l'aria passare attraverso il sax di Clarence,
e hanno capito cosa significhino l'amicizia, l'armonia, e forse un po' anche la felicità.

3 commenti:

  1. bello, oh Laura !!!

    ma pure qui ;-)
    http://dinamo1960.blogspot.com/2011/06/clarence-in-promised-land.html

    "il rock è morto, viva il rock !"
    ...e non facciano l'immane cavolata dei Led
    Zeppelin che si sciolsero non appena morì John
    Bonhnam.

    RispondiElimina
  2. grazie a te, a voi, che leggete.

    RispondiElimina